Torna alla pagina precedente

Baccalà in guazzetto alla Romana

Questa è una ricetta di Redazione castellintavola.com
Categoria: Secondi

Ingredienti

Baccalà ammollato 800 g

Pomodori pelati 600 g

1 Cipolla grande o due piccole

1 Spicchio di aglio

1 Cucchiaio di pinoli

1 Cucchiaio di uvetta sultanina

Farina q.b.

Olio per frittura

Olio extravergine di oliva

sale e pepe q.b.

Preparazione

In passato il baccalà era considerato un piatto di festa perchè era un pesce pregiato e particolare e il suo costo era oneroso. Oggi il baccalà è tra i pesci meno costosi ma visto il suo sapore deciso e unico è rimasto nella tradizione culinaria romana e il suo utilizzo, nelle feste e non solo, è rimasto invariato.

Il baccalà in guazzetto è una ricetta tipica della cucina romana, molto conosciuta proprio per la sua semplicità e per il suo sapore davvero speciale.

Se decidiamo di acquistare un trancio di Baccalà ancora da ammollare.

Per una giusta dissalatura:

1)Sciacquare sotto l’acqua corrente il sale visibile.

2)Immergere completamente il baccalà in una capiente bacinella piena di acqua fresca, che dovrà essere rinfrescata e ricambiata molto spesso. Generalmente sono sufficienti 48 ore di ammollo.

3)Per essere certi della completa dissalatura, visto che il processo non è uniforme, ma procede dall’esterno verso l’interno, è bene assaggiarlo.

4)Per accelerare i tempi si può dividere il baccalà in tranci prima di procedere alla dissalatura.

5)È consigliabile aumentare i tempi di dissalatura per preparazioni che prevedono cotture veloci. In questo caso permettiamo alle gelatine ossee di distribuirsi nella polpa rendendola più morbida.

Preparazione del Baccalà in guazzetto alla Romana:

1)Tagliare il baccalà togliendo la parte centrale che contiene le spine. Infarinarlo, friggerlo in olio di semi di arachide, scolarlo e metterlo da parte su carta assorbente e al caldo.

2)In un’ampia padella versare l’olio con lo spicchio di aglio. Insaporirlo e toglierlo. Aggiungere le cipolle tagliate a spicchi e lasciar cuocere a fuoco dolce fino a che diventano tenere.

3)Aggiungere pinoli e l’uvetta sultanina. Mescolare bene e ricoprire con i pomodori pelati schiacciati con una forchetta (o “Sfragnati” con le mani… alla romana), sale e pepe e lasciar cuocere. Se occorre aggiungere qualche cucchiaio di acqua.

4)A questo punto unire il baccalà messo da parte e lasciar insaporire qualche minuto.

Tempo di preparazione

40 min

Persone

4 persone

Vino consigliato

Con il baccala' si sposano benissimo i rosati e anche i rossi giovani e poco concentrati, come un Chianti d’annata. Può anche andare bene l'abbinamento con vini rossi poco tannici come un buon Valle d’Aosta Gamay fruttato e intenso.

Ti è piaciuta questa ricetta?

Scopri le altre ricette di Redazione castellintavola.com.

Commenti

Non sono ancora presenti recensioni su questa ricetta. Vuoi essere tu il primo a lasciarla?

Lascia un commento

Gradimento della ricetta

Scopri le altre ricette di Chef in Tavola!