Le semplici regole del mangiare bene!

Questa rubrica è stata pensata per fornire alcuni criteri di scelta per ottenere un equilibrio alimentare, necessario a mantenere il nostro organismo in buona salute e a prevenire malattie degenerative e cardiovascolari!
La nostra alimentazione deve rispettare tre semplici regole ed essere normocalorica, equilibrata e completa.

Normocalorica

L'alimentazione deve fornire una quota di calorie adeguata a soddisfare il fabbisogno energetico dell'organismo. La quota di calorie necessaria è variabile da individuo ad individuo e dipende dall'età, dal sesso, dal peso e dall'altezza e soprattutto dall'attività fisica giornaliera svolta (un muratore avrà quindi bisogno di più calorie di un impiegato!). Se quando si controlla il peso l'ago della bilancia resta stabile significa che le calorie che si sono introdotte con gli alimenti sono pari a quelle che si sono consumate; se si perde peso peso vuol dire che si è consumato più di quello che si è mangiato; se il peso aumenta vuol dire che si è mangiato troppo per quello che si è consumato.

E' bene ricordare che:
1 grammo di carboidrati fornisce 4 calorie
1 grammo di proteine fornisce 4 calorie
1 grammo di grassi fornisce 9 calorie.

Equilibrata

Alimentazione equilibrata vuol dire che nell'ambito della giornata o di 2-3 giorni vi deve essere un certo equilibrio tra i vari nutrienti (proteine, carboidrati, grassi). I carboidrati, soprattutto di tipo complesso o amidi (presenti nella pasta, riso, pane, polenta ... ) devono coprire più della metà della nostra alimentazione giornaliera (58%), i grassi non devono superare il 30% e il resto va assegnato alle proteine. Per mantenere questo equilibrio occorre:
- mangiare, nelle dovute quantità, pasta, riso, pane, polenta, patate ogni giorno;
- preferire per cuocere e per condire grassi di origine vegetale o oli;
- preferire le carni magre e il pesce;
- mangiare i dolci una volta ogni tanto.

Completa

Alimentazione completa vuol dire che oltre ai principi nutritivi presenti nell'equilibrio già proposto e nelle quantità adatte, la dieta deve comprendere anche la fibra alimentare, i sali minerali e le vitamine; la loro adeguata assunzione è essenziale per la vita e la salute, soprattutto in alcune condizioni particolari come la crescita, la gravidanza, l'allattamento e la convalescenza da malattie infettive. La varietà nella dieta è la qualità che le permette di essere completa: non bisogna perciò essere monotoni nelle scelte del cibo, ma fantasiosi; non occorre eliminare completamente alcuni cibi dando preferenza sempre ad altri, ma occorre variare!